Featured Post

60,000 rapes carried out by UN staff

A WHISTLE blower has claimed UN staff could have carried out 60,000 rapes in the last decade as aid workers indulge in sex abuse unchec...

Monday, March 23, 2015

LA GUERRA DELL'ACQUA No alla Privatizzazione

Tens of thousands of people marched in Dublin on Saturday in the latest protest against the government’s new water charges. It is the latest show of public opposition to the austerity measure put in place by Ireland’s coalition government



Water privatization is a very serious concern, and is causing many problems in the European Union (EU). In countries like Greece and Portugal, the Troika is pushing for water privatization, with more and more citizens being deprived of water access in municipalities where water supply is managed by private companies.

Citizens are fighting against water privatization across the EU, with many examples of massive mobilizations in Italy with the 2011 binding referendum, the local consultations in Madrid and Berlin, more recent mobilizations in El Puerto de Santa Maria, Spain and upcoming local public consultations in Thessaloniki, Greece.

Everyone agrees that we are in the midst of a global freshwater crisis. Around the world, rivers, lakes, and aquifers are dwindling faster than we can possibly replenish them. Increased global population and industrial and household chemicals are also causing a decrease in freshwater.

Goldman Sachs estimates that global water consumption is doubling every 20 years, and the United Nations expects demand to overcome supply by more than 30 percent come 2040. Although water is essential to life, it makes it no less expensive to obtain, purify, and deliver, and does nothing to change the fact that as supplies dwindle and demand grows, that expense will only increase. 

The World Bank has argued that higher prices are a good thing. Right now, no public utility anywhere prices water based on how scarce it is or how much it costs to deliver, and that, privatization proponents argue, is the root cause of such rampant overuse. If water costs more, they say, we will conserve it better.

As the crisis worsens, companies like True Alaska that own the rights to vast stores of water (and have the capacity to move it in bulk) won’t necessarily weigh the needs of wealthy water-guzzling companies like Coca-Cola or Nestlé against those of water-starved communities in Phoenix or Ghana; privately owned water utilities will charge what the market can bear, and spend as little as they can get away with on maintenance and environmental protection.

There is no substitute for water, and as everyone is painfully aware, corporations don’t care about the environment – and they don’t care about human rights – they care about profit.

In the developed world it’s easy to take water for granted. Turn on any tap, and it comes rushing out, clean and plentiful, even in the arid Southwest, where the Colorado River Basin is struggling through its 11th year of drought; in most cities a month’s supply still costs less than cable or a cell-phone plan.

Water privatization, until recently, was an almost exclusively Third World issue. In the late 1990's the World Bank infamously required scores of impoverished countries—most notably Bolivia—to privatize their water supplies as a condition of desperately needed economic assistance. The hope was that markets would eliminate corruption and big multinationals would invest the resources needed to bring more water to more people. By 2000, Bolivian citizens had taken to the streets in a string of violent protestsBechtel—the multinational corporation that had leased their pipes and plants—had more than doubled water rates, leaving tens of thousands of Bolivians who couldn’t pay without any water whatsoever. The company said price hikes were needed to repair and expand the dilapidated infrastructure. Critics insisted they served only to maintain unrealistic profit margins. Either way, the rioters sent the companies packing; by 2001, the public utility had resumed control.

On 28 July 2010, the United Nations General Assembly recognized the human right to water and sanitation and acknowledged that clean drinking water and sanitation are essential to the realization of all human rights. The Resolution calls upon States and international organizations to provide financial resources, help capacity-building and technology transfer to help countries – in particular developing countries – to provide safe, clean, accessible and affordable drinking water and sanitation for all.

In November 2002, the Committee on Economic, Social and Cultural Rights stated that "The human right to water is indispensable for leading a life in human dignity. It is a prerequisite for the realization of other human rights" – it also defined the right to water as “the right of everyone to sufficient, safe, acceptable and physically accessible and affordable water for personal and domestic uses”.

Water MUST be accessible to all people – regardless of their social and economic status. The European Citizen’s Initiative expected the European Commission to propose legislation implementing the Human Right to Water and Sanitation as recognized by the United Nations, and to promote the provision of water and sanitation as essential public services for all.

The European Water Movement continues to support local struggles in places such as Thesaloniki or Alcazar de San Juan to ensure that water is declared a common good. And it will remind candidates in the elections for the European Parliament of the importance of recognizing that water is a human right, to concretely act towards its implementation and to avoid liberalization and profit of water and sanitation services.







Nell’economia globale sembrerebbe difficile trovare settori inesplorati e promettenti, invece la lezione di Jax Coco – azienda nata appena nel 2012, ma già scelta da Credit Suisse fra le otto realtà promettenri del Private Innovation Circle – dimostra che il fattore più importante è sempre la capacità di ‘leggere’ il mercato e riempire i buchi della domanda e dell’offerta. 

La Jax Coco, infatti, nasce da una semplice osservazione: e cioè che in una delle ‘capitali globali’ del nostro tempo, e cioè Hong Kong, mancava un marchio in grado di fornire acqua di cocco confezionata per clienti ‘premium’. Rilevando il gap, racconta Credit Suisse, gli imprenditori Jane e Max Gottschalk e gli uomini d’affari Alex e Jason Ing, hanno costituito una partnership fondando la Jing Holdings Ltd. che, nel 2012, ha fatto il suo ingresso con il marchio Jax Coco nel mercato dell’acqua di cocco. 

Un settore che oggi vale a livello globale 800 milioni di dollari ma che, secondo le stime dell’azienda, raggiungerà 5 miliardi di dollari nei prossimi cinque anni. 

D’altronde in soli 3 anni, Jax Coco (nome creato combinando i nomi dei fondatori) è penetrato in 35 mercati; per il 2015 l’azienda prevede un fatturato superiore a 20 milioni di dollari. 

E la crescita si preannuncia esponenziale. Di qui la scelta del colosso elvetico di inserirla nel prestigioso Private Innovation Circle che raccoglie aziende selezionale «sull’innovatività delle loro idee di business, sul potenziale di guadagno e sul track record del loro management».

Nonostante il prodotto (l’acqua di cocco) non sia finora associato a idee di benessere o lusso, il marchio Jax Coco, invece, in poco tempo ha saputo conquistare l’apprezzamento di celebrità, stilisti, importanti testate di moda, atleti e persino della FAO delle Nazioni Unite. 


I fondatori sono riusciti a collocare la loro acqua di cocco sul mercato in meno di un anno: peraltro, ammettono, «investendo poco capitale in prima persona», concentrando le loro risorse nella ricerca e nello sviluppo, prendendo come guida i modelli di business di altre aziende cinesi e chiedendo consulenza alla Coca-Cola su come condurre un’attività in Asia. 

A differenziare il marchio da tutti gli altri l’intuizione di Jax Coco di dare a una bevanda naturale lo status di «ricercata». Come spiega Jane Gottschalk: «Abbiamo posizionato l’acqua di cocco Jax Coco come un prodotto lifestyle. I nostri concorrenti hanno puntato principalmente sul settore sportivo. Noi abbiamo esteso il posizionamento all’arte, alla musica e al lifestyle». 

L’azienda ha sponsorizzato concerti di Elton John, un concerto per beneficenza del pianista classico cinese Li Yundi e il giocatore di rugby inglese Chris Ashton

Altra caratteristica che differenzia Jax Coco dagli altri: la bottiglia di vetro. Una modalità di confezionamento, più sofisticata del Tetra Pak, unica nel mercato dell’acqua di cocco e chiaramente indirizzata alla clientela premium del settore Food&Drink. Ristoranti, club, bar, hotel e lounge di prima classe dei treni Eurostar offrono Jax Coco nella bottiglia di vetro; inoltre, negozi al dettaglio, Whole Foods, Amazon, Vitacost e Starbucks (Hong Kong) vendono il prodotto sia in bottiglia sia nel formato Tetra Pak. Cathay Pacific, la principale compagnia aerea dell’Asia nominata Airline of the Year 2014 da Skytrax, ha annunciato che offrirà l’acqua di cocco Jax Coco nei suoi lounge e su voli selezionati

Ma per sfondare sul mercato delle bevande è ovviamente fondamentale anche la qualità del prodotto: il cocco utilizzato da Jax Coco proviene dalle Filippine tropicali, dove viene irrigato dagli spruzzi dell’oceano e non soltanto dall’acqua piovana come accade nelle altre regioni di coltivazione del cocco di cui si servono i concorrenti. Una caratteristica che lo rende immediatamente riconoscibile e che viene utilizzata per giustificare il ricarico di prezzo ‘premium’. 

Nonostante i risultati lusinghieri l’azienda intende incrementare la penetrazione del mercato asiatico ed espandersi oltreoceano in America del Nord, Australia e Medio Oriente, dove i primi test sono stati positivi. I piani prevedono la crescita della propria linea di acqua di cocco e la diversificazione in una gamma di altri prodotti alimentari a base di cocco: latte, zucchero, snack, gelato, frozen yogurt e olio di cocco. 

L’azienda punta inoltre ad ampliare la linea dedicata ai bambini, Jax Coco Kidz, una serie di prodotti sani per bambini con purea di frutta pura e senza zuccheri aggiunti. 




The bottled water industry brings in sales of $35 billion worldwide. US consumersmake up more than $11.8 billion, according to the consulting and research firm Beverage Marketing Corporation

Bottled water is the fastest-growing segment of the beverage industry, and the product is expected to pass both coffee and milk to become the second-most-consumed beverage (behind soft drinks). According to the NRDC, "More than half of all Americans drink bottled water; about a third of the public consumes it regularly." 

While most people would argue that bottled water is healthier than convenient alternatives like sugared sodas or artificially flavored drinks, are the third of bottled water consumers who claim they are motivated by promises of purity (according to a 2000 survey) getting what they pay for?

Non vale quanto il petrolio ma poco ci manca. Ed è forse per questo che sul business delle acque minerali in Sicilia è in corso una battaglia a colpi di dossier e di «manovre» sui canoni regionali di concessione, «adeguati» soltanto lo scorso anno, e ai quali, secondo quanto hanno denunciato i grillini, Confindustria vorrebbe dare una corposa sforbiciata abbattendo i costi.

Per l’associazione degli Industriali lo scopo è quello di sostenere le imprese del settore, per il Movimento 5 Stelle, si tratterebbe soltanto di un regalo alle multinazionali che non vedono l’ora di tornare al passato, a quando cioè i canoni di cancessione erano almeno dieci volte più bassi.



«Analizzando i dati – affermano i deputati regionali – abbiamo scoperto che la normativa antecedente al 2013 prevedeva un canone fisso di 516,46 euro per l’acqua estratta (emunta) fino a 5 mila metri cubi; da 5 mila e 35 mila metri cubi il costo passava a 1,03 euro, mentre oltre i 35 mila metri cubi il canone scendeva vertiginosamente a 13 centesimi al metro cubo».

«I pochi dati incompleti e parziali che abbiamo ricevuto – ha detto la deputata Claudia La Rocca – bastano a far capire che i beneficiari di questo canone irrisorio erano le grandi multinazionali dell’acqua. Una di queste infatti estrae quasi 240 mila metri cubi di acqua, a fronte dei 15 mila di un’altra piccola impresa del settore».



L’Ars nel maggio del 2013, su iniziativa del M5S, ha votato una legge che ha rivalutato i canoni. Ma Confindustria – accusano i grillini – ha portato alla commissione Attività produttive dell’Ars una proposta per riportare i canoni molto vicini a quelli precedenti: 30 centesimi al metro cubo. «Per sostenere la sua proposta – ha detto Claudia La Rocca – Confindustria si fa scudo della crisi delle piccole imprese, ma è chiaro, come dimostrano i dati in nostro possesso, che il suo obiettivo è tutelare gli interessi delle multinazionali. Noi vogliamo un canone equo, che non avvantaggi le grandi multinazionali a dispetto delle piccole e medie imprese, una norma che si coniughi pure con il rispetto delle risorse del territorio siciliano».


La nuova disciplina sulle concessioni per l’estrazione di acque minerali in Sicilia – quella cioè entrata in vigore nel 2013 – è stata ritenuta tra le migliori in Italia dalla recente indagine di Legambiente e di Altreconomia sul business delle acque in bottiglia in Italia che è stata rilasciata lo scorso mese di luglio.

«Sono presenti – si legge nel rapporto – anche esempi positivi: il primato per i canoni più alti spetta al Lazio, che applica una quota per gli ettari, una per i volumi emunti ed una per i volumi imbottigliati. Si aggiunge anche la Sicilia, che in seguito alla norma del maggio 2013 ha applicato un canone più alto alle concessioni, chiedendo alle ditte imbottigliatrici, da 60 a 120 euro per ettaro a fronte dei 10,12 euro dell’anno precedente e seguendo l’esempio virtuoso del Lazio ha adottato il triplo canone e cioè un euro per ogni metro cubo di acqua emunta, più due euro per ogni metro cubo di acqua imbottigliata».



Sempre secondo il rapporto di Legambiente e di Altreeconomia, in Sicilia (il dato è del 2012), ci sono concessioni rilasciate su 1060 ettari che permettono di estrarre (il termine tecnico è emungere) 678 mila metri cubi di acqua.

Secondo un calcolo di Legambiente l’acqua viene venduta con un prezzo medio di 26 centesimi al litro (stima sulle diverse marche di acqua minerale) ma le aziende pagano alle Regioni poco più di un euro ogni metro cubo e cioè un millesimo di euro per ogni litro imbottigliato e quindi con ampi margini di guadagno.

Peraltro come evidenziato dall’indagine di Legambiente e Altreconomia i canoni di concessione per le acque minerali stabiliti dalle Regioni, sono estremamente bassi perfino in aree dove vi sono difficoltà di approvvigionamento idrico. Paradossale ad esempio la situazione della provincia di Agrigento, provincia dove storicamente (e ancora oggi) l’acqua viene distribuita con i turni e dove praticamente nessuno si azzarda a bere l’acqua del rubinetto. Nel 2007 la multinazionale svizzera Nestlè ha ottenuto la concessione dalla Regione per emungere acqua dalle sorgenti di Santo Stefano Quisquina, dalla fonte Margimuto imbottigliandola come Acqua «Vera Santa Rosalia». La concessione prevedeva la produzione di 250 milioni di litri in cinque anni. E così i cittadini di Agrigento dovevano pagare 33 centesimi a bottiglia alla Nestlè per l’acqua che avrebbero potuto avere pressoché gratis anche perché già la Montedison, anni prima aveva scoperto, le proprietà di quella sorgente e le sue potenzialità. Solo che gli enti pubblici non fiutarono l’affare, al contrario della Nestlè che, ancor oggi, sforna milioni di litri di acqua emunta da Santo Stefano di Quisquina.




TIGERS Danis Tanovic contro Nestlè e Big Pharma March 7, 2015

Per capire quello che sta succedendo in Italia, basta leggere un’intervista fatta da David Evangelisti. Quando il giornalista chiede conto al sindaco Pd di Grosseto Emilio Bonifazi delle tariffe record per il servizio idrico in Toscana, il primo cittadino risponde così: “In realtà il nostro è un sistema all’avanguardia. Per comprendere bene i dati del dossier bisognerebbe infatti ricordare che la Toscana è una delle poche regioni a applicare la legge Galli, normativa che prevede il ricorso a tariffe e non a tasse”. Bonifazi spiega: “Ricorrendo alla tariffa si coprono tutti i costi del servizio idrico integrato, investimenti e spese di depurazione comprese, senza gravare sulla fiscalità generale o senza ricorrere a interventi pubblici. Il ricorso alla tassa comporterebbe invece una compartecipazione del pubblico, spalmando così i costi restanti del servizio sulla fiscalità generale, magari attraverso l’addizionale Irpef”.

Insomma: la Toscana sarebbe una regione virtuosa (e all’avanguardia) perché ha trasformato l’acqua in una merce come tutte le altre, escludendo qualsiasi intervento pubblico e affidando solo alle regole di mercato la gestione del servizio idrico. Un ritorno a una logica medievale e bottegaia, degna forse dell’Italia pre-riunificazione. La candida ammissione di Bonifazi spiega alla perfezione come il pensiero unico della “privatizzazione a tutti i costi” abbia fatto breccia nell’immaginario degli amministratori del terzo millennio. Il risultato del Bonifazi-pensiero è che sia normale che un bene primario come l’acqua sia pagato in base al consumo. Quindi, in Toscana, una famiglia monoreddito di 5 persone paga una bolletta più salata di un manager di Goldman Sachs. Alla faccia di qualsiasi logica di solidarietà, degli appelli dell’ONU e di chi implora una politica di gestione delle risorse idriche che ne rispetti la dimensione di diritto fondamentale e bene comune. Il sindaco di Grosseto, coerentemente, se ne frega anche del voto di 27 milioni di italiani che hanno chiesto la ripubblicizzazione dell’acqua e preferisce rivendicare la sua genuina renzianità.

Grosseto, infatti, non è un caso isolato. In tutto il paese il servizio idrico è oggetto di un attacco senza precedenti. A chiederne a gran voce la privatizzazione (oltre alle solite multinazionali) è il governo Renzi, che con il decreto Sblocca Italia ha assestato un colpo formidabile alla gestione pubblica del servizio idrico.

Con la riforma dell'Articolo V, approvata subdolamente in Parlamento, Renzi ha creato le condizioni per un'immensa privatizzazione a favore di colossi dell'energia stranieri...

l'esperienza dimostra che, in questo settore, come avvenuto per le Autostrade, le privatizzazioni si risolvono nella sostituzione di un monopolio pubblico con uno privato. E a rimetterci sono gli utenti costretti a far fronte a un'esplosione dei prezzi delle bollette.


Con il processo di razionalizzazione della gestione dei servizi da parte degli enti comuni, il governo centrale chiede praticamente di affidare l’acqua (insieme agli altri servizi) ai privati, attraverso un sostanziale ricatto nei confronti degli amministratori. Il sistema è ben congegnato e sfrutta patto di stabilità e fiscal compact.

Insomma: da una parte lo stato riduce i finanziamenti ai comuni e gli impedisce di investire, dall’altro gli dice che se privatizzano i servizi pubblici (anche e soprattutto la gestione del servizio idrico) quei soldi potranno essere usati in deroga al patto di stabilità. Un ricatto in piena regola, che spiega benissimo quale sia il concetto di “bene comune” nell’Italia del 2015.


Da risorsa primaria, a bene più caro: stando all’analisi condotta dall’’ufficio studi della Confartigianato, negli ultimi dieci anni (2004-2014) le bollette dell’acqua sono aumentate del +95,8%.

Una percentuale che scende di poco, arrivando a+74,7% (2004-2014), se nel computo si considera anche il peso dell’inflazione cumulata (21,1%). Il confronto con l’Europa, inoltre, è spiazzante: negli altri paesi tra il 2004 e il 2014 il costo dell’acqua è aumentato del +34,9%. Questo vuol dire che, in Italia, ogni anno le bollette lievitano del +7,5%.

Se si circoscrive l’analisi al solo 2014, emerge che l’anno scorso ogni famiglia ha speso in media circa 355 euro per pagare le bollette dell’acqua, con un rincaro del +6,6% rispetto al 2013. Cifre da record a Firenze, dove la spesa media è stata di 563 euro a nucleo familiare.

Ma se l’acqua grava sul portafogli degli italiani, non lo sono da meno gli altri servizi pubblici non energetici. Confartigianato ha infatti registrato un rincaro del +16,2% dei trasporti negli ultimi cinque anni: un aumento quasi due volte superiore all’inflazione.

E ancora: le tasse sui rifiuti sono aumentate del +61,9% negli ultimi dieci anni, tre volte tanto l’inflazione. Nel complesso, quindi le tariffe sui servizi pubblici non energetici (acqua, rifiuti e trasporti) sono lievitati del +25,9% contro una media europea del +13,3%



Le riserve d'acqua nel mondo si stanno riducendo velocemente: il 20% delle falde è infatti sovrasfruttato e, se si procede di questo passo, tra 15 anni la Terra si troverà ad affrontare un calo del 40% della disponibilità d'acqua dolce.

Per evitare il collasso urgono interventi sostanziali nella gestione di questa risorsa, anche in vista della crescita della popolazione globale da dissetare e sfamare. 

A lanciare l'allarme, in occasione della Giornata mondiale dell'acqua che ricorre il 22 marzo, è il rapporto 2015 'World Water Development' delle Nazioni Unite, dal titolo "Acqua per un mondo sostenibile". 

Le cifre snocciolate dall'Onu portano a una sola conclusione: i consumi, soprattutto agricoli ed energetici, sono insostenibili e rischiano di assetare ancora di più il Pianeta. Da qui al 2050 la domanda d'acqua aumenterà nel mondo del 55%. Per quella data l'agricoltura, che già usa il 70% dell'acqua dolce disponibile, dovrà dare all'uomo il 60% di cibo in più. I prelievi di acqua per la produzione energetica rappresentano il 15% del totale e potrebbero salire al 20% nel giro di 20 anni. In 50 anni, tra il 2000 e il 2050, la domanda d'acqua da parte dell'industria manifatturiera è prevista in aumento del 400%. 

Se la situazione mondiale è allarmante, quella italiana non è rosea. Il prelievo nazionale di acqua potabile, dice l'Istat, arriva a 9,5 miliardi di metri cubi, di cui l'84,8% da acque sotterranee. L'acqua che esce dai rubinetti è tendenzialmente di buona qualità, rileva l'Enea, ma «restano da sciogliere nodi come il gran numero di gestori, l'elevata dispersione della risorsa nelle reti di distribuzione e le alte concentrazioni di elementi potenzialmente nocivi come arsenico e fluoro in alcune aree del Paese».

La vera emergenza, secondo Federutility, è proprio la depurazione mentre Legambiente parla proprio di «acqua ammalata»: da Bussi a Priolo, da Cremona a Sarno, sono tanti i casi di inquinamento delle falde. Le Alpi, ricorda il Wwf, sono la più grande riserva d'acqua dolce d'Europa, ma «il 90% dei fiumi alpini ha perso il proprio stato naturale».

Padre Alex Zanotelli, missionario comboniano, tra i principali sostenitori 'dell'acqua bene pubblico e diritto universalé, in occasione della 'Giornata Mondiale dell'Acquà dell'Onu, ha dichiarato: «Le lotte dei poveri, come quella vinta a Cochabamba in Bolivia contro la multinazionale che aveva preso l'acqua, hanno fatto capire la sua importanza, così in Ecuador e in Uruguay dove è diventata un bene fondamentale».

Una reazione a catena che, per il comboniano, «ha influenzato anche i paesi del nord del mondo dove il tema non sembrava così fondamentale. Capire che l'acqua è un diritto e non merce è stato un cammino difficile».

Padre Zanotelli conclude rivolgendosi ai grandi della terra: «L'acqua è la madre di tutta la civiltà. Non si può toccare la madre di tutta la vita su questo pianeta. Come il monito della Genesi, guai a chi tocca Caino, guai a chi tocca l'acqua».

Onu: «è emergenza acqua, tra 15 anni avremo 40% in meno» 23/03/2015

Istituita dall’Onu già nel 1992, la Giornata Mondiale dell’Acqua invita a riflettere su questa preziosa risorsa naturale, “per imparare a salvaguardarla e a utilizzarla in modo responsabile”, tanto che il tema affrontato in questa XXIII edizione è “Acqua e sviluppo sostenibile”. 

A detta di Paolo Carsetti, della segreteria operativa del Forum Italiano dei Movimenti per l’Acqua, “negli ultimi mesi si sta delineando abbastanza chiaramente un piano attraverso il quale il Governo italiano intende rilanciare con forza il processo di privatizzazione e finanziarizzazione dell’acqua e dei beni comuni con l’obiettivo di aggirare i referendum del 2011”. Per quanto concerne i servizi pubblici locali e, quindi, anche il servizio idrico, tale progetto si ispira direttamente al programma sulla spending review il quale prevede aggregazioni e fusioni delle grandi aziende e/o multiutilities nel tentativo di ridurre gli sprechi e i costi della politica. 

Per Carsetti “due sono i provvedimenti legislativi che il Governo ha messo in campo e che interessano anche l'acqua. Il primo è contenuto nelle norme del Decreto Sblocca Italia che, modificando profondamente la disciplina riguardante la gestione dell’acqua, mirano di fatto alla privatizzazione del servizio idrico”. Si tratta della modifica del principio cardine su cui si basava la disciplina, ovvero il passaggio da “unitarietà della gestione” a “unicità della gestione” e l’imposizione progressiva del gestore unico per ogni ambito territoriale.  Si arriverebbe, quindi, anche grazie al secondo provvedimento, La legge di stabilità, a costruire un vero e proprio ricatto nei confronti degli enti locali i quali, oramai strangolati dai tagli, sarebbero spinti alla cessione delle loro quote sul mercato azionario. “Con la Legge di stabilità - ha spiegato Carsetti - si prevede, da una parte, la limitazione dell’affidamento in house (nella sua concezione comunitaria, quindi, sia a S.p.A. a totale capitale pubblico che ad aziende speciali) creando vincoli finanziari nei bilanci degli Enti Locali e, dall’altra, si favoriscono le privatizzazioni incentivando la cessione di quote e più in generale le operazioni di fusione”. 

Un meccanismo per cui, attraverso processi di aggregazione e fusione, i quattro colossi multiutilities attuali – A2A, Iren, Hera e Acea – già collocati in Borsa, potranno inglobare tutte le società di gestione dei servizi idrici, ambientali ed energetici, divenendo i “campioni” nazionali in grado di competere sul mercato globale.

Nella medesima direzione vanno anche le norme inserite negli articoli 14 e 15 del cosiddetto Disegno di legge delega Madia (Riorganizzazione delle Amministrazioni pubbliche), che se approvato nell’attuale versione, consegna una delega in bianco al Governo e permette: “Un reale aggiramento dei referendum del 2011 con strumenti capaci di agire trasformazioni irreversibili” ha spiegato Carsetti. 

In questo modo si legittima un meccanismo predatorio dei territori, promuovendone uno sfruttamento incontrollato fondato sulle privatizzazioni, sulle concessioni selvagge, sulle deroghe ai vincoli paesaggistici e ambientali, sulla compressione degli spazi decisionali democratici degli enti locali e delle comunità. 

Di fatto per il Forum Italiano dei Movimenti per l’Acqua “Con grandi e piccole differenze tra un territorio e l’altro si applicano sostanzialmente ricette con caratteristiche simili: sottrazione del potere decisionale, la scomparsa della funzione pubblica e sociale dell’ente locale trasformandone il ruolo da erogatore di servizi per la collettività a facilitatore dell’espansione della sfera di influenza dei capitali finanziari e da garante dell’interesse collettivo a sentinella del controllo sociale delle comunità”.

Che fare allora? Resistere! Una miriade di movimenti di resistenza su scala locale e regionale si è diffusa negli anni, non solo in Italia e in Europa, con alcuni fili conduttori: riaffermare il territorio come bene comune attraverso la pratica dell’autogoverno, la riappropriazione del reddito che ci viene sottratto, il rifiuto dei dispositivi di governance e dei meccanismi predatori, assieme alla tutela della salute e dei diritti ambientali

Il 9 marzo 2015, per esempio, è stata una data storica per il movimento per l’Acqua pubblica di Napoli perché il Consiglio Comunale di Napoli ha finalmente votato lo Statuto di ABC – Napoli (Acqua Bene Comune) ed ha affidato, con una Convenzione, l’acqua di Napoli ad ABC, Azienda Speciale, che non può lucrare sull’acqua. 

Una conquista possibile l’acqua bene comune, ma che non ha vita facile ed ha costretto le realtà che da anni lottano per il diritto all’acqua a ribadire il loro no alle nuove privatizzazioni anche in Europa. “Il nostro Movimento è stato parte integrante di una coalizione sociale che è riuscita a creare un interesse ed un appoggio così vasto da permettere a  due milioni di persone di essere ascoltate nella Unione Europea.  È passato, però, già un anno dalla risposta positiva della Commissione Europea alla prima Iniziativa dei Cittadini Europei (ICE) e stiamo ancora aspettando interventi concreti in merito”. 

La Commissione Europea ha fino ad ora ignorato le richieste dei cittadini dell'Unione e continua per la sua strada verso la commercializzazione e la privatizzazione, strizzando anche qui l’occhio alle multinazionali del settore idrico come dimostra la 4° Conferenza Europea dell’Acqua che la Commissione stessa organizza il 23 e 24 di marzo a Bruxelles e alla quale non sono stati invitati né i promotori della ICE né la società civile. “Per questo saremo a Bruxelles, dove, il 23 marzo, l’ampia delegazione italiana del Forum manifesterà per il diritto all'acqua insieme a tante altre realtà europee”. 

Dall’Abruzzo una delegazione di movimenti e forze sociali parteciperà alle giornate per l’acqua diritto umano e fuori dalle logiche di mercato. L’iniziativa è promossa dall’ European Water Mouvement 

Il gruppo abruzzese ha annunciato che «come delegazione italiana ribadiremo anche a Bruxelles il nostro no alle nuove privatizzazioni, rilanciate dal Governo Renzi che vuole garantire ancora una volta i grandi interessi privati, nonostante il referendum del 2011. Denunceremo, insieme alle decine di mobilitazione che si terranno in contemporanea in Italia, le conseguenze di una gestione volta al profitto: qualità del servizio in ribasso, tariffe in aumento e pratiche odiose come quelle dei distacchi idrici»



E così, l'acqua potabile disponibile ha cambiato statuto. Da diritto universale dell'uomo, è stato declassato prima a bisogno e poi a mera merce. E il controllo delle acque potabili disponibili in molti paesi è stato assunto da aziende private. Troppi Paesi, soprattutto tra quelli in via di sviluppo, sono stati costretti a fare propria la strategia dell'«acqua uguale merce» e a privatizzare la gestione dell'«oro blu»... 

LA GUERRA DELL'ACQUA


LE PROVE CHE DIETRO LA LIBERALIZZAZIONE ECONOMICA SI NASCONDEVA IL SACCHEGGIO SU LARGA SCALA DELLE RISORSE DEL PAESE SONO STATE SEMPRE PIÙ NUMEROSE NEGLI ULTIMI MESI. IN PARTICOLARE, A FAR INTUIRE AGLI INDIANI QUAL È IL RAPPORTO TRA POTERE ECONOMICO E POTERE POLITICO, È STATO LO SCANDALO PER CORRUZIONE NELLE LICENZE DI TELEFONIA MOBILE, CHE AVREBBE CAUSATO UNA PERDITA DI 40 MILIARDI DI DOLLARI PER L’ERARIO. PERFINO LA STAMPA ECONOMICA OCCIDENTALE, DI SOLITO ENTUSIASTA DELLE IMPRESE FINANZIARIE IN INDIA, SEMBRA TURBATA. ALL’INIZIO DI QUEST’ANNO L’ECONOMIST SI CHIEDEVA: “IL CAPITALISMO INDIANO STA DIVENTANDO OLIGARCHICO?”. UNA DOMANDA CON UN’UNICA RISPOSTA POSSIBILE: “MA VA?”. IL FINANCIAL TIMES HA DEFINITO “PREDONI” GLI ESPONENTI DELLE DINASTIE IMPRENDITORIALI INDIANE.


Ti piace?

No comments:

Post a Comment

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...