Featured Post

60,000 rapes carried out by UN staff

A WHISTLE blower has claimed UN staff could have carried out 60,000 rapes in the last decade as aid workers indulge in sex abuse unchec...

Tuesday, March 3, 2015

Under the Dome, il documentario censurato sull'inquinamento in Cina

Il documentario di Chai Jing, giornalista ed ex conduttrice televisiva della tv di stato CCTV, che racconta e denuncia gli effetti di una economia dipendente quasi esclusivamente dal carbone come quella cinese. 


Under the Dome - Investigating China's Haze” affronta, come mai avvenuto in Cina, il problema dell'inquinamento partendo dall'esperienza personale della stessa Chai Jing, che la vede nel 2013 dimettersi dal suo lavoro e affrontare una gravidanza complicata perché il feto già presentava un tumore, una malattia che a detta della stessa Jing è diretta conseguenza dell'inquinamento.


“Under the dome” (Sotto la cupola) spiega che vengono utilizzati carbone e petrolio di bassa qualità per risparmiare, e che ignoranza, apatia burocratica e mancanza di legislazione fanno il resto, proprio mentre il Paese continua a galvanizzarsi sugli investimenti che fa nell’energia pulita. Quanto a questi ultimi, sottolinea un dato interessante: i funzionari cinesi sono giudicati per quanto fanno crescere il Pil, non sui risultati ottenuti. Ragion per cui sono molti gli investimenti che partono, ma pochi quelli che vengono seguiti e valutati nel tempo.

Il documentario, da poco censurato sui siti cinesi è un po’ nello stile delle TED talks, con l’ex giornalista in piedi che cammina su un palcoscenico con uno schermo dove vengono proiettate immagini delle interviste e delle visite a città particolarmente inquinate, nonché statistiche e infografiche sugli effetti dell’inquinamento. Davanti a lei, rapiti, giovani spettatori (sembrano studenti universitari, anche se questo aspetto non è specificato).

Oggi c’è la cerimonia inaugurale dell’appuntamento annuale del Parlamento cinese, che si riunisce per due settimane, nel corso delle quali i delegati – fra cui star e celebrities – applaudono alle proposte del Partito Comunista e firmano le proposte per farle diventare legge. Xi Jinping farà un discorso inaugurale, che quest’anno dovrebbe esporre la sua nuova teoria politica: “I Quattro Comprensivi”. Ovvero: “comprensivamente” costruire una società moderatamente prospera, andare più a fondo con le riforme, governare il Paese secondo la legge e rafforzare la disciplina all’interno del partito.

Il documentario di Chai Jing, in un certo senso, mostra fino a che punto questi tipi di slogan non possano cambiare davvero il Paese, se manca, per esempio, uno standard nazionale che stabilisca la qualità minima che deve avere la benzina. Pubblicato online nel fine settimana, il documentario di Chai Jing è stato visto da oltre 100 milioni di persone.


Cina e inquinamento, ecco il documentario choc censurato 02/03/2015









Ti piace?

No comments:

Post a Comment

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...